Esclusiva Italiabasket. Coach Angela Adamoli:”Grandissima vittoria contro il Friuli. Ora il Piemonte tra noi e la finale”

Nel 1995 Angela Adamoli, da giocatrice, ha vinto la medaglia d’Argento all’Europeo di Brno con la Nazionale Femminile di Riccardo Sales e Catarina Pollini. La scorsa estate ancora lei ha spezzato l’incantesimo nei campionati FIBA Senior per le Azzurre portando da Team Leader l’Italia sul gradino più alto del podio ai Mondiali di Manila 3×3. Ed oggi, coronando il lavoro di due anni con il Comitato Regionale Fip Lazio, ha guidato tra le prime quattro la selezione femminile Lazio al Trofeo delle Regioni, con la terza vittoria consecutiva, stavolta ai quarti contro il favoritissimo Friuli. Alla vigilia della semifinale contro il Piemonte, Italiabasket incontra in esclusiva il coach Angela Adamoli, che esprime la sua grande gioia per il risultato finora raggiunto. 

“Sono molto soddisfatta del cammino fino ad adesso. Abbiamo giocato tre partite di spessore, di grande qualità dal punto di vista fisico,tecnico-tattico e mentale. Le ragazze e lo staff hanno lavorato tanto negli ultimi due anni, quindi siamo contenti di aver finora raccolto i frutti che ci hanno portato tra le prime quattro. Adesso giocheremo questa semifinale contro il Piemonte che è una squadra molto concreta ed affidabile, una di quelle squadre che ha fame di vittorie e quindi immagino che sarà una semifinale molto intensa, come del resto l’altra semifinale Lombardia-Emilia Romagna. Stamattina abbiamo vinto contro il Friuli, una squadra accreditata come possibile vincitrice del trofeo, quindi penso sia stata una grandissima vittoria. Abbiamo vinto di 11 punti, ma secondo me con una grandissima prestazione. Ma il percorso è ancora lungo, manca ancora una partita importante che ci può portare a giocarci il titolo nella finalissima. Vediamo cosa accadrà”

Appuntamento oggi pomeriggio alle ore 16.30 per le ragazze del Lazio contro il forte Piemonte, per scrivere ancora una splendida pagina di sport in questa intensa giornata.

Articolo a cura di Massimiliano Spinella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *