Milano batte anche Varese, Venezia dilaga a Cantù

L’Armani Milano fa undici su undici nel campionato di basket. Al Forum, la Openjob Varese vende cara la pelle (anche +7 nell’ultimo quarto) ma non basta: inutili i 16 punti di Avramovic e i 10 di Cain con 13 rimbalzi, contro un Mike James da 27 punti per il 72-67 finale. La Reyer Venezia risponde in serata strapazzando Cantù 93-71 (Bramos 21), bene anche Avellino (86-78 su Sassari) e Trieste (84-71 a Reggio Emilia).Previous.

ARMANI MILANO-OPENJOB VARESE 72-67
Derby di altissimo profilo al Forum, con due squadre che si danno battaglia fin dalle primissime battute. Nedovic e James siglano il 13-7 iniziale di Milano, ma la squadra di Caja è in partita e riesce a contenere l’attacco dei campioni d’Italia, dopo i primi minuti a tutta il primo quarto si chiude il 17-12. Allungo milanese che tocca anche il +11 nel secondo quarto e va avanti di nove all’intervallo lungo (37-28), per Varese fondamentali i punti di Archie per mantenere il distacco entro limiti accettabili. Nel terzo periodo, gli ospiti cambiano faccia e passano a condurre con un 10-0 ispirato da 8 punti di Scrubb. Milano capisce che dovrà faticare e si aggrappa al solito James, che con una magia, sulla sirena del terzo quarto, rimette avanti i suoi (51-49). Altro super parziale di Varese in apertura di quarto periodo, che vale addirittura il + 7 (58-51), Avramovic è inarrestabile ma James non è da meno e mette undici punti quasi in fila per il +5 Milano (65-60), che diventa poi +8 con la tripla di tabella di Della Valle. Inutile l’ultimo sussulto di Cain e Scrubb, che riportano Varese anche a -3 negli ultimi secondi: la striscia vincente di Milano continua.

SIDIGAS AVELLINO-BANCO DI SARDEGNA SASSARI 86-78 
Avellino risponde con una prova di gran carattere alle recenti difficoltà (addio di Cole, infortuni di Ndiaye e Costello) e riscatta la pesante sconfitta di Trieste della scorsa settimana. Equilibrio in avvio, con il 24-22 del primo quarto, con 10 punti di Sykes per Avellino, nel secondo parziale salgono in cattedra Nichols e Green per l’allungo a +7 (47-40) all’intervallo. A lungo l’attacco sassarese si regge quasi soltanto sulle folate di Smith, la Sidigas è più squadra e al 23’ trova il +11 (58-47). Bamforth e Thomas escono dal torpore e provano a ricucire per gli ospiti (62-56), prima del 67-58 di fine terzo quarto. Nuovo allungo a +11 per Avellino (73-62), con Cooley e Smith Sassari si rifà sotto (76-71 al 34’), ma il fallo tecnico fischiato allo stesso Smith aiuta i padroni di casa nello sprint finale. 23 di Sykes, 22 di Nichols e 20 di Green per una Sidigas tutto cuore, il trio Bamforth-Smith-Cooley chiude a 15 per Sassari ma non basta.ACQUA S.BERNARDO CANTU’-REYER VENEZIA 71-93
Famosa abitualmente per la sua difesa, Venezia decide di regalarsi una serata spumeggiante in attacco. Primo tempo da 47 punti segnati a 36, con un Watt dominante da due punti (11 punti nei primi 20’) e la precisione dall’arco di Stone e Bramos (due triple a testa), a Cantù non basta per restare a contatto una prestazione sopra le righe di Gaines che chiude i primi due quarti già con 16 punti e concluderà a quota 25. Nella ripresa, ulteriore allungo Venezia con tre triple in fila di Daye che valgono il +19 (61-42 al 26’). La gara ben presto non ha più nulla da dire e l’ultimo quarto diventa, di fatto, garbage time con Bramos (21 punti finali) e Giuri che continuano a bombardare la retina per la Reyer.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA-ALMA TRIESTE 71-84
Sale Trieste, che trova la prima vittoria in trasferta del campionato e la sesta posizione in classifica. Dominio in avvio degli ospiti, che arrivano anche a +16 (32-16) all’inizio del secondo quarto, con grande contributo di Mosley. Reggio Emilia fatica, ma grazie a qualche iniziativa di De Vico e Ortner ricuce fino al 35-44 dell’intervallo. La scarsa produzione offensiva dei padroni di casa prosegue nel terzo quarto, ma una tripla di Mussini mantiene la Grissin Bon a contatto entrando negli ultimi 10 minuti (50-58). Ancora Mussini, in avvio di quarto periodo, riporta a sorpresa Reggio a -2, ma sale in cattedra Wright, che trascina i suoi alla vittoria, chiudendo con 16 punti, così come Mosley e Sanders.

VL PESARO-DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 65-77
Dopo un avvio di gara equilibrato, Pesaro scappa 24-16 in chiusura di primo quarto e sembra poter disputare un match di spessore, guidata da Blackmon. Ma è un fuoco di paglia, perché Trento inizia a bombardare la retina (quattro triple di Mian), sorpassando e portandosi addirittura sul 39-30 grazie a Marble. All’intervallo è 43-35 esterno, Mockevicius con 9 punti riporta Pesaro a -2 (45-47) ma i marchigiani sprecano troppo in attacco nonostante McCree (17 punti come Blackmon) si dia molto da fare. 53-58 all’ultimo intervallo, nell’ultimo quarto un Craft dominante (chiuderà con 15 punti) ben assistito da Marble propizia la vittoria di Trento.

FIAT TORINO-ORIORA PISTOIA 86-80
Torino vince un match passato a rincorrere per più di 30 minuti, con una grande reazione finale. Pistoia domina in lungo e in largo nel primo tempo, toccando il +14 già nel primo quarto (7-21) e confermandolo all’intervallo lungo (36-50), con un secondo parziale da 29 punti in cui Gladness e Peak fanno la parte del leone. Nella ripresa, parte la riscossa di Torino, in cui Carr entra finalmente in partita, aiutando Moore a ridurre il gap a -5 al 30’ (62-67). Ultimo quarto a mille all’ora con Torino che rimonta in maniera inesorabile, Moore domina (chiuderà con 26 punti), Pistoia prova a reggere con una fiammata di Johnson e Peak riportandosi momentaneamente a +5 (73-78) ma negli ultimi minuti non c’è storia e la tripla di Delfino suggella la vittoria Fiat.

Foto 4
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 15
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 25
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35

Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *