Geko, al PalaEdilgen arriva Pozzuoli, esordio di Verazzo

Primo derby del girone di ritorno per la Geko, che domani sera ospiterà sul parquet amico del PalaEdilgen la Virtus Bava Pozzuoli. Una partita insidiosissima per i santantimesi, che sono reduci dalla brutta sconfitta di Molfetta e che al PalaErrico, all’andata, furono battuti con un secco 91-73. Un -18 che brucia ancora, e che Cantone e compagni dovranno riscattare con un successo per mantenere l’imbattibilità casalinga e restare in scia delle prime. D’altro canto anche i flegrei hanno assoluta necessità di far punti, sono reduci da 5 sconfitte consecutive (l’ultima di misura in casa con Salerno) e devono muovere una classifica che comincia ad essere scivolosa. Avversaria dunque da non sottovalutare questa Virtus, che ha già vinto 3 volte fuori casa in questa stagione, e che si presenterà a Sant’Antimo con un assetto rinnovato dopo la partenza di Gianmarco Rossi, che ha rescisso ad inizio settimana rientrando nella sua Palestrina. Nel gruppo, tra i più giovani del girone, resta dunque un solo veterano, quell’Alessandro Potì che all’andata esplose in una prova da 33 punti e 52 di valutazione. Mediamente la guardia-ala mancina sta producendo 11.2 punti e 5.2 rimbalzi a gara, ma i leader statistici di Pozzuoli sono il pivot Iba Koite Thiam, 14.1 punti con il 64% al tiro e 8.5 rimbalzi, e il playmaker classe ‘2000 Antonio Gallo, che marcia a 13.2 punti (58% da 2, 41% da 3) e 6.8 assist. Le variabili sono l’eclettica ala Sam Gaye e il jolly Caresta, mentre è stato importante l’impatto del rientrante Mehmedoviq, che in 9 partite ha fin qui prodotto 9.6 punti e 5 rimbalzi di media. Dalla panchina escono anche l’ala Longobardi e la guardia Murabito, preso da Montegranaro ad inizio anno.

In ripresa la Geko, che sta lentamente rimettendo insieme i pezzi dopo un periodo davvero nero. Certo si continua a lavorare al pieno recupero degli infortunati, e nel frattempo si guarda con attenzione a chi in questi due mesi ha letteralmente tirato la carretta, e che oggi potrebbe pagarne le conseguenze in termini di condizione. Come Enzo Cena, che tra l’altro domenica a Molfetta ha preso un colpo alle costole che lo ha costretto al riposo forzato per la prima metà della settimana: “Fortunatamente la situazione è rientrata, ho ripreso ad allenarmi e spero di essere al meglio domani sera – dice l’ala argentina, che in questi ultimi mesi di emergenza ha prodotto numeri importantissimi risultando decisivo nella rimonta Geko -. Sappiamo che con Pozzuoli sarà una partita difficile, ma daremo tutto per portarla a casa. Abbiamo tanta voglia di riscattare la sconfitta di Molfetta e ovviamente quella dell’andata, parliamo probabilmente delle nostre peggiori prestazioni stagionali e dunque è normale che vogliamo cancellarle. Il nostro momento? Veniamo da un periodo di difficoltà in cui abbiamo avuto tanti problemi ma abbiamo esperienza, sappiamo che trasformare l’emergenza in alibi ci avrebbe condannato. E invece abbiamo dato tutto quello che avevamo, grinta e cuore. Lo faremo anche domani sera”. Darà una mano preziosa Armando Verazzo, aggregatosi al gruppo già martedì, che allungherà le rotazioni di coach Origlio e porterà in campo energie fresche ed entusiasmo-

Armando Verazzo, guardia-ala classe 2002 di 196 cm che arriva in prestito dalla Pallacanestro Mantovana.
Casertano di nascita, Armando è cresciuto cestisticamente nel florido vivaio di Maddaloni con cui appena 14enne ha conquistato una Finale Nazionale dopo aver vinto il campionato regionale Elite. Dal 2016 al 2018 ha giocato i campionati d’Eccellenza meritandosi anche alcune convocazioni in nazionale giovanile, quindi ha esordito 16enne in C Gold, campionato in cui nel 2019-2020 ha prodotto 20 punti di media. L’anno scorso il passaggio in B, dove con Formia ha giocato 19 minuti di media realizzando 7.7 punti (un high di 19 nella vittoria sulla Luiss Roma) e tirando giù 5.8 rimbalzi a partita, quindi l’ulteriore salto in A2 con gli Stings di Mantova che lo hanno blindato con un biennale con opzione sul terzo anno. A Sant’Antimo Armando ritrova il fratello minore Roberto, che gioca in doppio tesseramento con il Sorriso Azzurro in C Gold e nel campionato U19 Eccellenza.
 
“Sono davvero carico e motivatissimo per questa nuova esperienza – dice Armando – conosco e apprezzo il modo di lavorare di questa società e la bravura di coach Origlio, mi metterò a disposizione loro e del gruppo per questo finale di stagione con la voglia di far bene e la consapevolezza di poter apprendere tanto dai giocatori di esperienza con cui farò squadra”.
 
“L’arrivo di Armando per questo finale di stagione rappresenta un’opportunità di crescita sia per noi che per lui, e conferma l’attenzione che questa società ha verso i giovani – dice il Gm Vittorio Di Donato-. E’ un ragazzo che già l’anno scorso ha avuto un buon impatto sia fisico che tecnico sulla categoria, a Mantova hanno creduto e credono in lui ma in questa fase della stagione gli spazi si erano inevitabilmente ridotti e Armando ha iniziato a guardarsi attorno per trovare una soluzione diversa. So che c’erano tantissime squadre di B interessate a lui e devo ringraziare sia il ragazzo che il suo procuratore Andrea Capasso per aver scelto Sant’Antimo per continuare il suo percorso di crescita in questi mesi”.
 
L’Appuntamento – Si gioca al PalaEdilgen di via Marconi, a Sant’Antimo, domani sera alle 18. Arbitreranno i Signori Diego Secchieri di Venezia e Fabrizio Suriano di Torino. I biglietti per la gara sono disponibili in prevendita sulla piattaforma Go2 e saranno in vendita al botteghino prima della gara al prezzo di 5€ (ingresso gratuito per gli under 14). La partita sarà visibile per gli abbonati sul circuito LNP Pass.