Italia-Nigeria di basket: gli azzurri vincono 80-71 e vanno ai quarti di finale

La vittoria più importante raccolta della nazionale di pallacanestro italiana negli ultimi 17 anni arriva dopo una gara in altalena – iniziata in discesa (+15 dopo un quarto), diventata in salita e poi definitivamente acciuffata in un quarto periodo in cui a fare la differenza è stata la voglia, il cuore, la grinta, oltre che la testa di un gruppo in grado di andare oltre ogni tipo di difficoltà. Il volto del successo per 80-71 dell’Italbasket contro la Nigeria è quello di Nicolò Melli – autore di 15 punti, miglior realizzatore della sfida e leader su entrambi i lati del campo. Le sue giocate cambiano il match nel momento di massima difficoltà per gli azzurri, che raccolgono anche 14 punti da Mannion, 13 da Polonara e 12 da Fontecchio. Ancora in affanno e molto poco incisivo Danilo Gallinari, autore di soli tre punti e limitato da problemi di falli che non gli hanno permesso di trovare ritmo. Una prestazione maiuscola che permette all’Italia di conquistare così la certezza della qualificazione ai quarti di finale del torneo olimpico, nonostante un Metu da 22 punti (con 6/7 dall’arco) e i 20 di Nwora – i migliori in campo per la Nigeria che chiude al quarto e ultimo posto nel girone.

La vittoria dell’Australia e la prossima sfida che attende l’Italia

A determinare il piazzamento dei ragazzi guidati da coach Meo Sacchetti nel gruppo B è stato anche il risultato dell’altra partita del nostro girone: l’Australia infatti ha vinto per 89-76 contro la Germania, prendendosi il primo posto nel raggruppamento grazie ai 24 punti di un Patty Mills da 9/23 dal campo, ai 18 di Jock Landale e ai 16 di Nic Kay (entrambi chiudono con 7/10 al tiro). Per l’Italia è dunque secondo posto, mentre resta da capire se gli azzurri saranno prima o, molto probabilmente, seconda fascia.

Il sorteggio (in programma domani al termine della sfida tra Slovenia e Spagna) prevede che i quarti di finale siano composti da una parte dalle tre prime classificate nei gironi più la miglior seconda, mentre dall’altro lato restano le due peggiori seconde e le due migliori terze. L’Italia dunque, per evitare incroci pericolosi, deve sperare in un’improbabile combinazione di risultati che difficilmente la porterà a ricoprire il ruolo di miglior seconda (scenario che include una vittoria della Repubblica Ceca contro Team USA, ad esempio). Se gli azzurri invece dovessero essere inseriti in seconda fascia – il risvolto più plausibile – non affronteranno l’Australia con cui hanno già battagliato nel girone, ma dovrebbero vedersela contro una delle seguenti tre squadre: Francia, Team USA (avanti come migliore seconda) o la vincente del match tra Spagna e Slovenia. I quarti di finale si giocheranno tutti martedì 3 agosto e, in ogni caso, ad attendere l’Italia ci sarà una partita complicata ma molto affascinante per provare ad accedere alla semifinale e alla zona medaglie