Europei femminili: l’Italia cade contro l’Ungheria 59-51

L’Italia non concede il bis. Dopo il successo contro la Turchia all’esordio, le ragazze di Marco Crespi crollano contro l’Ungheria (che accede ai quarti di finale dell’Europeo di basket femminile) e sono così costrette a disputare gli ottavi. Sarà una sfida complicatissima, visto l’accoppiamento con il girone con Bielorussia, Serbia, Belgio e Russia. Serata terribile al tiro per le Azzurre (17/68), che pagano una Cecilia Zandalasini da soli nove punti (3/17 dal campo).

Buon avvio delle italiane, che si portano sul 6-2 con la tripla iniziale della capitana Sottana, l’uno su due di Caterina Dotto dalla lunetta e lo splendido piazzato dal mezzo angolo per Andrè. Le magiare ribaltano la situazione con un parziale di 11-0: i liberi di Hatar e di Studer, il canestro di Zele e l’appoggio comodo al vetro di Horti valgono il 6-13. Il ct Marco Crespi si gioca subito la carta Francesca Dotto, che si era infortunata alla gamba contro la Turchia ed era uscita dal campo in barella, accompagnata in lacrime dalla sorella gemella Caterina. Cubaj strappa il rimbalzo e interrompe la striscia positiva ungherese, prima di chiudere una giocata pazzesca con un semi-gancio dopo l’errore in lunetta di Zandalasini. La grande penetrazione di Turner fa concludere il primo quarto sull’18-11 a favore delle avversarie. 

L’ottimo arresto e tiro di Dubei apre il secondo periodo; l’Italia accorcia con la tripla di Cinili, che segna i primi punti per le Azzurre nel secondo quarto dopo tre minuti e mezzo e una serie infinita di errori, ma l’Ungheria vola a +11 con Studer e l’azione da tre punti firmati da Horti (14-25, massimo vantaggio). Un pazzesco parziale di 12-0 riporta in vantaggio le ragazze di Crespi: l’arresto e tiro di Sottana, il canestro immediato di Zandalasini su una bella rubata, le due triple di Romeo e Cinili e una giocata incredibile di Romeo (allo scadere dei 24 secondi) fissano il risultato sul 26-25 all’intervallo lungo. 

Bel botta e risposta all’inizio del secondo tempo: Zandalasini e Romeo replicano ai due liberi di Zele e di Turner per il 30-29. Sorpasso e controsorpasso che prosegue con il lay-up di Hatar e la bomba di Sabrina Cinili; Studer trova la nuova parità in lunetta, poi l’Ungheria ritorna in vantaggio grazie a un grandissimo canestro di Turner, che si mette in proprio e trova la via della retina (33-35). Un altro errore di Cecilia Zandalasini (2/13 dal campo) anticipa il bel lavoro di Horti in post contro Cinili e i due liberi ancora di Horti: 33-39 alla fine del terzo quarto. 

A questo punto le magiare scappano via nell’ultimo periodo con le triple di Dubei e di Raksani. Cinque punti di Sottana fanno ancora un po’ sperare le Azzurre, che dimostrano di essere ancora vive con i tre liberi di Cinili (42-48). Giorgia Sottana replica alla tripla di Turner, poi Zandalasini completa il gioco da tre punti per il -3 a 180 secondi dalla fine. Sull’altro fronte, però, arriva la pronta risposta ungherese con Hatar e Raksanyi, che decretano il +8. Finisce quindi 59-51 per l’Ungheria (considerata da molti la più debole del girone) che vola così ai quarti di finale. Domenica sera ci sarà la Slovenia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *