Il basket piange Jelovac, morto a 32 anni: aveva giocato anche a Caserta

Stevan Jelovac ha perso la sua partita più importante. A 32 anni, il lungo serbo che aveva girato l’Europa e giocato anche a Caserta non ce l’ha fatta, stroncato da un ictus che l’aveva colpito in allenamento. Era il 14 novembre, Jelovac stava provando a rientrare da una lesione al ginocchi che l’aveva colpito all’inizio della sua avventura con l’Aek Atene, in Grecia. Si è accasciato sul parquet in allenamento e non si è più rialzato. Trasportato immediatamente in ospedale, qualche giorno fa la famiglia aveva deciso di farlo trasportare dalla capitale greca a Belgrado, dove Jelovac è morto oggi.

LA CARRIERA

Nato a Novi Sad, Serbia, l’8 luglio 1989, aveva cominciato la carriera da pro nel 2008, forte dei 208 centimetri per 110 kg. Dal 2010 aveva cominciato a girare l’Europa, sbarcando a Caserta nel 2012: avrebbe dovuto rimanerci due anni, se ne andò al termine della prima stagione. L’apice nel 2013-14, con 10 presenze in Eurolega coi lituani del Lietuvos Rytas, poi tre anni in Spagna col Saragozza. Con l’Aek Atene aveva firmato in estate. Ora tutta Europa lo piange.