TESTA A TESTA AL BENEDETTI: MA A PASSARE È ANCORA LA DELSER

Regge l’urto, il moto d’orgoglio ospite. Vince e mantiene l’imbattibilità casalinga la Libertas Basket School Udine nel match giocato questa sera al Benedetti con l’Alpo Basket di Villafranca. Le volpi si impongono 63-54 e dimostrano, ancora una volta, il proprio carattere, reagendo agli impeti patavini nei momenti chiave della partita. Un incontro spigoloso, caratterizzato dal tira e molla fra le due contendenti. La Drain by Ecodem a inseguire mettendo a sprazzi il muso davanti; la Delser fredda, cinica nell’allungare, rimontare. Vincere.

Coach Matassini in avvio si affida a Peresson, Cvijanovic, Sturma, Scarsi e Pontoni. Conte accende subito la luce per Alpo con la tripla dello 0-3. Dell’Olio incrementa il parziale prima che Scarsi e Cvijanovic riducano il gap al 4’ (4-5). Il primo sorpasso lo crea Peresson al 6’ grazie a un assolo nel pitturato. L’ex Georgia Tech poi dall’arco è letale sull’assist della neo-entrata Blasigh: 9-7 al 7’. Già on fire, la play firma anche il primo parziale LBS, con Udine che sale a +4 (11-7). Dall’angolo è però Blasigh a scavare un piccolo solco tra le due formazioni: due le sue bombe in fotocopia che permettono alle arancioni di chiudere sul 17-9. Difese sugli scudi in avvio di secondo quarto: Alpo ha il merito di aprire, con pazienza, un break che conduce le scaligere a -2. Udine, dal canto suo, ha intrapreso una lotta col ferro: è il 16’ quando Cvijanovic fa 18-15. Per l’attacco orange la scossa arriva dal pareggio di Mosetti (18-18). Peresson fa 21-18, quindi Sturma e Pontoni allungano nuovamente la forbice: 25-18. Tutto nel giro di un minuto. Le ospiti, tuttavia, non mollano. Così è la solita Peresson a togliere le castagne dal fuoco con la terza tripla di serata: 30-23 a fine primo tempo.

L’American sniper si riconfema tale a inizio secondo tempo: contropiede, arresto dai 6,70 mt e 33-25. Scarsi percorre il sentiero tracciato dalla compagna e allunga: 35-25. Dell’Olio, con autorità, tiene a galla la Drain by Ecodem. Lei assieme ai palloni persi da Udine. Il resto lo fanno Mosetti e Vespignani dall’arco: 35-33. Alpo vola sulle ali dell’entusiasmo, trascinata da una panchina in modalità torcida. A sedarla parzialmente ci pensa Turel con la bomba del nuovo +7 al 27’ (40-33). Ma le patavine sono più che mai vive, tanto da portarsi sul -1 un minuto dopo (40-39). Una super-Mosetti, quindi, compie il controsorpasso da fuori: 40-42. Al 30’ le patavine sono a +1, 42-43. Peresson si prende in braccio la squadra all’alba dell’ultimo quarto. Ne fa 5 per il 47-43 del 32’. È un break tuttavia illusorio, perché Alpo è indiavolata e risponde colpo su colpo. Il gioco da tre di Mosetti mantiene al 34’ le ragazze di Soave a -1 (51-50). Suona l’allarme. Anzi, la campanella. Blasigh entra in classe, sale in cattedra e trova il fondo della retina: tre punti. Cvijanovic buca la difesa ospite con una delle sue incursioni in transizione ed è 56-50 a 3’29’’ dal termine. L’attacco orange riprende a girare, la difesa, benché sotto pressione, mantiene una solidità granitica. È ciò che serve per chiudere in crescendo. Il match si chiude col punteggio di 63-54.

Tabellino Udine: Peresson 23, Sturma 6, Turel 3, Scarsi 4, Da Pozzo 2, Cvijanovic 8, Blasigh 13, Braida, Lizzi, Pontoni 4, Medeot, Ivas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.