Boston vola sul 3-0, Oklahoma accorcia su Portland

WASHINGTON – Boston vola anche alla Bankers Life Fieldhouse e si porta sul 3-0 nella serie con Indiana ipotecando di fatto le semifinali dei playoff Nba a Est. Ai Pacers servirà un vero e proprio miracolo sportivo per poter ribaltare la situazione, impresa che nessuna squadra nella storia della Nba è mai riuscita a compiere in 132 precedenti. Finisce 104-96 per i Celtics che già domenica potrebbero essere la prima franchigia di questa post-season a strappare il pass per la semifinale.

Boston ad un passo dalla semifinale a Est

Boston sembra, quindi, aver definitivamente messo da parte la crisi degli ultimi mesi, e si è presentata ai nastri di partenza di questi playoff in grande spolvero. Lo dice anche il primo quarto di gara-3 con i Pacers dove Irving e compagni hanno segnato 41 punti, era dal 1990 che la franchigia del Massachusetts non metteva in mostra una prestazione simile nei primi 12′ di un playoff. Nel secondo parziale i padroni di casa accorciano le distanze che un break di 17-3 per poi chiudere avanti all’intervallo lungo 61-59. Nella ripresa, però, si inceppa Evans, mentre dall’altra parte sale in cattedra Irving (19 punti) che, coadiuvato da uno straordinario Brown (25 con 8/9 da campo), trascina i suoi alla vittoria.

Toronto si riprende il fattore campo

Toronto sbanca Orlando 98-93 e si riprende il fattore campo (2-1). Il protagonista dell’Amway Center non è Kawhi Leonard (16 punti) e neanche Kyle Lowry (12), ma Pascal Siakam, al secondo anno in Nba e autore del suo carrer high con 30 punti e 11 assist. Con le due stelle imbrigliate nella ragnatela tessuta da coach Clifford, è il gioiellino camerunense a rovinare la festa per la prima gara casalinga di playoff dopo 7 anni. Orlando, però, gioca bene, imposta tutto sull’agonismo e riesce a lungo a tenere a bada il talento della franchigia canadese. Anche quando un break di 17-0 targato Green-Siakam sembra indirizzare la partita dalla parte dei Raptors, i Magic rientrano con un contro-break di 13-4 che vale il -3 (96-93) a 20″ dalla fine, prima di perdere il possesso decisivo consegnando a Leonard la possibilità di chiuderla con due liberi a 15″ dalla sirena finale.

Westbrook stende Portland e accorcia

Mai dare per morta Oklahoma. I Thunder, sotto 2-0 nella serie, rischiano di combinarla davvero grossa alla Chesapeake Energy Arena dopo essere stati avanti anche di 16 lunghezze. Portland stava per portare a casa un successo fondamentale prima di arrendersi allo strapotere di Russell Westbrook (33 punti e 11 assist). Finisce 120-108 per i padroni di casa che riaprono la serie e domenica in casa avranno l’opportunità di pareggiarla. In una Chesapeake Energy Arena infuocata sin dai primissimi minuti di gara, Oklahoma e Portland danno spettacolo. Primo quarto in perfetto equilibrio con i Blazers che chiudono avanti di appena un punto (22-21). Poi nel secondo parziale coach Donovan blinda la difesa, organizza i raddoppi di marcatura su Lillard e McCollum e OKC scappa via con Westbrook che porta i suoi al massimo vantaggio (61-45). Nella ripresa, però, Lillard cambia marcia e si trasforma in un cecchino da 3 mettendo a segno 25 punti dei suoi 32 finali, spingendo i suoi alla rimonta. Quando McCollum segna la tripla dell’89 pari in avvio di ultimo quarto, per i Thunder sembra finita. Westbrook, però, non ci sta e, con l’aiuto di Grant (18), consegna ai suoi il successo che ridà speranza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *