Sidigas Avellino che disfatta!!! Venezia passeggia al PalaDelMauro 49-79

La Sidigas Avellino incappa in una brutta sconfitta interna nella sfida al vertice al Pala Del Mauro con l’Umana Reyer Venezia. Una gara che ha visto la squadra ospite dimostrare tutte le proprie qualità e la Scandone evidenziare tutte le difficoltà messe in luce da coach Vucinic, ovvero stanchezza, gente fuori forma e rotazioni contate. Con la pausa, tanto sperata dal coach serbo, che a questo punto arriva come mantra dal cielo. Se poi ci mettiamo le assenze, quelle note di Costello e Campogrande, alle quali si aggiunge quella gravissima, dell’ultim’ora di Nichols, allora la gara si prospettava proibitiva già dall’inizio e così è stato.

Dopo i primi 5 minuti di equilibrio, non c’è stata partita. La Reyer ha preso subito la gara in mano, approfittando di limiti offensivi della Sidigas, chiudendo il primo quarto sul 14-20. Ma è nel secondo periodo che Venezia ha preso il largo, con uno strapotere sotto le plance, con Wattdeterminante (11 punti solo dopo due quarti) al quale si sono aggiunte le triple di Haynes che trascina i lagunari sul +18 all’intervallo lungo (25-43). 

Nel secondo periodo non cambia il lite motiv del match. Anzi, la Sidigas rischia di incappare in una figuraccia, con Venezia che nel terzo quarto arriva anche ad avvicinarsi sui 30 punti di scarto. La Scandone fa ciò che può, anche per dimostrare ai tifosi che hanno riempito l’impianto, di rispettare la maglia che indossano.

Poco da dire in cronaca, Venezia superiore, con Avellino già in vacanza. Reyer che era arrivata anche a toccare quasi il +40, nel finale la Scandone brava, tra virgolette, a chiudere solo a -30. Sidigas che per un attimo era vicina anche a battere il record negativo di punti segnati, cioè 42, contro la Montepaschi Siena, nel 2005. Almeno questo per fortuna, non lo abbiamo visto.

Finisce 49-79 per la Reyer. Un pò di numeri, top scorer per la Reyer, Watt con 17 punti, Haynes 15, Daye 10. Per la Scandone Sykes 11, Cole e Filloy 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *