Women in finale a Campobasso

La Dinamo conquista la finale del torneo quadrangolare di Campobasso battendo nettamente Roseto (squadra di serie A2) in semifinale 106-48. Le ragazze di Restivo, nonostante l’infortunio di Ciavarella, si cercano e si divertono, dimostrando già un ottimo affiatamento. Carangelo prende già in mano la squadra e chiude con 27 punti, 10 rimbalzi e 5 assist.

LA PARTITA

Le Women affrontano il torneo di Campobasso come verifica ufficiale prima dell’inizio del campionato e dei preliminari di Eurocup. Le ragazze di Restivo, prive ancora di Holmes che arriverà dopo aver terminato da poco le finals WNBA, affrontano in semifinale Roseto, squadra di serie A2.

IL DEBUTTO

Il primo quintetto della stagione vede Carangelo in cabina di regia, Thomas come guardia, Makurat da ala piccola, Gustavsson da ala forte e Toffolo da centro in attesa dell’arrivo della citata Joyner Holmes

Il campo è sempre importante per verificare le indicazioni del coach e soprattutto per costruire la chimica di squadra, visto che la Dinamo ha un roster completamente nuovo. Le abruzzesi, che hanno l’ex Mitreva, partono meglio, un po’ più fluide, Sassari ci mette poco più di mezzo quarto ad ingranare, emergono le grandi differenze di fisicità e categoria, il parziale di 17-2 che chiude il 1° quarto è indicativoil Banco segna già 27 punti contro i 10 di Roseto, in grande difficoltà.

Carangelo chiude la prima frazione con 11 punti, 4/8 dal campo, 2 assist, 2 recuperi e 3 falli subiti, Gustavsson con 7 punti e 4 rimbalzi

PARTITA GIA’ INDIRIZZATA

Le Women continuano ad allenarsi intensamente e a divertirsi, la forbice si allarga, Sassari arriva a +25 sul 42-17, nonostante che Ciavarella vada in panca per il riacutizzarsi di un piccolo problema alla spalla (non rientrerà più). Roseto prova a resistere e a cercare di opporsi all’atletismo e alla velocità della Dinamo, coach Romano chiama time out con il Banco avanti 46-22le Panthers provano a ridurre lo svantaggio ma il Banco viaggia spedito verso la finale con Thomas e Makurat in evidenza. (55-31 al 20’)

All’intervallo Carangelo ha 14 punti con 5/14 dal campo, Thomas 11 punti con 4/8 e Makurat 10 con 4/11

STESSA MUSICA

Nel terzo quarto continua il dominio delle Women che fanno valere anche il differente tasso atletico. 17 rimbalzi offensivi sono l’indicatore più marcato di questa superiorità, Carangelo e Makurat (8 assist, 4 recuperi, 5 rimbalzi) sono le prime opzioni offensive, Toffolo è sempre pronta sugli scarichi e va già in doppia doppia con 12 punti e 10 rimbalzi, Thomas al debutto in Europa cerca la miglior condizione. Si va all’ultimo mini-intervallo con Sassari avanti 78-41.

ALLENAMENTO

L’ultimo quarto serve comunque per affinare i meccanismi, per cercare la giusta chimica visto il roster completamente nuovo, la Dinamo cerca di sfruttare ogni possesso come step, al 35’ le Women hanno largamente doppiato le avversarie (92-44) la partita si chiude con il Banco che si impone su Roseto 106-48 (solo 7 punti per le abruzzesi nell’ultimo parziale), conquistando la finale del torneo quadrangolare Campobasso per lo sport. Nell’altra semifinale le padrone di casa della Magnolia giocheranno in serata contro Matelica.

Dinamo: Carangelo 27 (5/11 2p 5/10 3p 10 rbs 5 ass), Thomas 21 (3/5 5/10 8 rbs), Makurat 20 (3/10 4/10 13 ass 9 rbs), Gustavsson 17 (7/8 2p 6 rbs), Toffolo 14 (3/5 2/2 10rbs), Mazza 7 (2/2 1/1), Ciavarella (0/1), Cerri, Arioli. All.Restivo

Roseto: Micovic 9, Dell’Olio 5, Manfrè 8, Kelly, Mitreva 5, Schena, Azzola 2, Ceccanti 2, De Marchi 9, Lombardo 3, De Santis, Dell’Orto 2 . All.Romano

Carangelo: “Sono contenta, buon test, era la nostra prima amichevole, abbiamo lavorato duro, non eravamo tutte sin dall’inizio, non vedevamo l’ora di giocare, a parte i primi 5 minuti, direi che è stato un buon allenamento, dobbiamo lavorare ancora tantissimo, aspettiamo la Holmes e buon primo passo”

“Campionato sarà durissimo, è presto per parlare di obiettivi, giochiamo partita dopo partita, vogliamo crescere, formare il gruppo il prima possibile, dobbiamo subito essere pronte a rimanere unite visto che è una squadra tutta nuova, proveremo sempre a vincere, aspettiamo il nostro pivot e inserirla il prima possibile, vogliamo essere una sorpresa del campionato”

Restivo: “Grazie a Campobasso per l’ospitalità, ci serviva fare partite amichevoli, non abbiamo lavorato in continuità però abbiamo già visto delle cose importanti, aprire il campo, andare in transizione e giocare con grande intensità, dovendo ovviamente migliorare, nel complesso c’è voglia di fare bene, speriamo che Giulia non abbia niente alla spalla, a lei va il nostro pensiero.  Cercheremo di migliorarci, c’è tanto entusiasmo, dobbiamo sempre divertirci e rimanere uniti come è stato negli ultimi due anni, importante è costruire un gruppo compatto, le vittorie aiutano e noi dobbiamo cercare sempre di affrontare tutto nel migliore dei modi”