Napoli si salva e manda la Fortitudo in A2. Tortona, Sassari e Reggio Emilia ai play-off

La GeVi esce nei 10’ conclusivi dello spareggio salvezza, vince 56-64 e resta in A1 a discapito della Effe

Napoli, Palabarbuto terzo match di campionato di Serie A tra la Gevi Napoli Basket e la Nutribullet Treviso Basket. Napoli vince per 82-70. Nella foto Jason Rich (Napoli – 2021-10-10, Paola Visone / IPA) p.s. la foto e’ utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e’ stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Nello spareggio salvezza valido per la ventinovesima e penultima giornata di regular season del campionato di basket LBA Serie A 2021/2022, la GeVi Napoli passa a Bologna imponendosi 56-64 e condanna la Fortitudo alla retrocessione in A2, con salvezza contestuale dei partenopei.

Partita ovviamente tirata e sul filo dell’equilibrio, con tensione palpabile e Parks ad uscire nel finale dopo una prova opaca supportando McDuffie, Gudaitis e Luca Vitali nel consegnare il successo agli ospiti, mentre alla formazione di Antimo Martino non bastano i 19 di Groselle, e i 17 di Frazier per restare nella massima divisione.

Fortitudo Bologna-Napoli 56-64

La partenza è lenta e tesa vista la posta in palio, McDuffie prova subito ad incidere in attacco ma le difese (e gli errori) la fanno da padrona per il 12-14 esterno alla prima sirena.

Nel secondo quarto lo spartito non cambia, Bologna appoggia il gioco nel verniciato trovando buone risposte da Groselle, Napoli ha poco da Park e Rich ma alla pausa lunga è perfetta parità a quota 29.

Al ritorno sul parquet cambia poco, la GeVi prova più volte ad allungare salvo incassare sempre le reazioni dei padroni di casa, che lavorano bene a rimbalzo e grazie ai punti di Frazier entrano nei 10’ finali avanti 45-43.

Vitali ridà ossigeno a Napoli, Rich e Parks si scaldano nel finale e la GeVi piazza lo strappo decisivo. LA Fortitudo ci prova spinta dal proprio pubblico ma non ne ha più mentalmente, con Napoli che passa a Bologna 56-64 e condanna la Effe alla retrocessione in A2 guadagnandosi invece la salvezza in extremis dopo una stagione in altalena.

Fortitudo Bologna-Gevi Napoli 56-64

12-14, 17-15, 16-13, 11-22)

Fortitudo: Manna, Aradori 4, Mancinelli, Durham 3, Zedda, Procida 5, Benzing 1, Fantinelli 2, Charalampopoulos 5, Groselle 19, Borra, Frazier 17. All.: Martino.

Napoli: Zerini 4, McDuffie 15, Vitali 7, Velicka, Parks 9, Marini, Uglietti 4, Lombardi, Gudaitis 14, Rich 11, Grassi. All. Buscaglia

Come detto, non è l’unico verdetto consegnato dalla ventinovesima giornata. In una griglia play-off che inizia a prendere forma, stacca il pass per la prima volta nella sua storia anche Tortona: 80-74 su Trieste, cui non bastano i 22 punti di Banks. Missione compiuta anche per Sassari, che invece festeggerà la decima presenza play-off: la Dinamo non sbaglia contro la già retrocessa Cremona e si impone per 98-82, regalando anche l’esordio al giovane di casa Sanna (con 3 punti).

Reggio Emilia, rimonta super

Non mancherà nella rincorsa al titolo, ovviamente, Milano. L’Olimpia, che sarà seconda testa di serie nel tabellone, ribalta nel finale Brindisi sul 92-87, con un break di 11-0 che di fatto pone fine alle speranze play-off dei pugliesi. Terza piazza già in cassaforte anche per Brescia, che però continua a macinare gioco e vittorie con un 102-71 su Varese. Continua anche l’ottimo momento di Venezia, quarta forza del campionato e al settimo successo di fila: 85-75 alla Vitrifrigo Arena contro Pesaro, che non può nulla contro Watt (22 punti) e Theodore (20). La Vuelle resta così appaiata a quota 26 a Trieste, in lotta per l’ottavo posto, mentre Reggio Emilia centra la post season grazie a una incredibile rimonta da -19 su Trento (69-77) con uno show di Cinciarini (22 punti, 6 rimbalzi e 9 assist). Domenica prossima l’ultimo turno di regular season: tutti in campo dalle 20.45.