Bruttissima battuta d’arresto in casa per Vicenza.

Una serata disastrosa al tiro fa precipitare le ambizioni vicentine. Se sostanzialmente Vicenza pareggia i conti con Ponzano sui rimbalzi, sui tiri liberi e sulle palle perse e recuperate, il 23% al tiro contro il 37 avversario risulta decisivo e condanna la squadra di Sinigaglia alla terza sconfitta consecutiva in casa. Un vero peccato perchè è capitato davanti a un pubblico da serie A1! Alla presenza di tante ex e tanti ex che hanno riempito festevolmente gli spalti come ai vecchi tempi, Vicenza ha sfoderato sì tanto cuore, tanta grinta e tanta velocità, ma una imprecisione così deleteria verso il canestro ha messo fine a ogni speranza di successo. Il dato più significativo: nel tiro da tre, tra le doti migliori nel bagaglio tecnico berico, Villarruel e compagne realizzano un misero 2/15; Ponzano pregevolmente arriva a 10/25.

Cronaca. Il primo quarto è l’unico equilibrato e ben giocato da ambedue le squadre. Il secondo vede la supremazia della squadra di Zimerle e si chiude sul 22/30 per le ospiti. La svolta decisiva della partita avviene sul 33-31 al 6° minuto del terzo quarto, dopo che Vicenza ha sfoderato la sua parte migliore recuperando 10 punti e riuscendo a mettere la testa in avanti. Ma a questo punto succede quel che non t’aspetti: il team di Sinigaglia perde la via del canestro subendo un mortifero 0/15 che porta alla fine del periodo Ponzano in testa per 46/33. E solo sul 33/50 Villarruel realizza due tiri liberi che interrompono la tempesta trevigiana. Ma ormai la partita è compromessa e la vittoria arride meritatamente a Brunelli e compagne. Dato a coach Zimerle e al suo gruppo  il giusto plauso, urge per Vicenza recuperare al meglio la condizione di alcune importanti pedine della squadra, che hanno giocato in modo precario causa infortuni. E soprattutto recuperare il gioco di squadra: l’uno contro 5 non porta da nessuna parte. Ricordiamo che l’impeccabile partita di Treviso è stata giocata solo 15 giorni fa. Un grazie particolare a tutte le ex presenti, che hanno risposto con entusiasmo all’invito di Lidia Gorilin: sono risultate uno spettacolo straordinario; in particolare alle tre grandi “vecchie” della pallacanestro nostrana. In primis Giancarla Consonni, quasi novantenne sempre in gambissima, e Sonia Verdi e Ivana Franzon, protagoniste del primo scudetto targato Portorico Caffè nel 1965.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

A.S.Vicenza – Ponzano Basket 40-61 (14/16, 22/30, 37/53)

A.S.Vicenza: Tonello 1, Bellon ne., Monaco 5, Zadra ne., Garzotto, Mioni 2, Sturma 7, Villarruel 18, Reschigian, Chrysanthidou 5, Priante ne., Tagliapietra 2. All.Sandro Sinigaglia.

Tiri da due 13/49  tiri da tre 2/15  Tl 8/14  Rimb 46  PP 21  Pr 8

Ponzano Basket: Carrer, Rossi, Bianchi 9, Giordano 9, Camporeale 3, Gobbo 7, Carraro 6, Van Der Keijl 8, Brunelli 19, Sekulic. All. Anna Zimerle

Tiri da due 13/37  tiri da tre 10/25 Tl 5/8  Rimb. 47  PP 19 Pr 5.

Arbitri Francesco Cassina e Riccardo Paolo Giudici.