Venezia vince 72-52, ora la serie si sposta a Schio per gara 3

Non riesce a reagire il Famila Wuber Schio che cade per la seconda volta consecutiva al PalaTaliercio. Termina 72-52 la gara sul parquet delle lagunari. Non bastano gli aggiustamenti di coach Vincent che alza decisamente il quintetto di base oltre che le proprie rotazioni e chiede alla propria formazione di tenere un ritmo più alto.

E’ il terzo quarto quello che tradisce le Orange sino a quel punto completamente in partita. Troppo brutto per essere vero il Famila, troppa e basta Venezia che chiude il terzo parziale sul 21-7.

Non arriva il pareggio della serie ed ora a Venezia basta una vittoria per chiudere la serie. Orange che ritroveranno il proprio parquet, quello del PalaRomare, bramose di rimettere in piedi il conteggio.

LA CRONACA: Si avvia diversamente la seconda contesa di finale tra Famila e Venezia, con le padroni di cassa che questa volta si portano subito in vantaggio. 12-7 firmato da Fagbenle. Schio risponde con cinque punti firmati da Gruda e Mestdagh per il pari e chiude la seconda frazione addirittura in vantaggio 17-18.

Nel secondo quarto super partenza, della Reyer, break di 10-0 ed è il massimo vantaggio sul +9: Attura, Penna e Pan scatenate in questo frangente, dall’altra parte Andrè e Keys tengono a galla Schio sul 27-22. A trascinare Venezia è ancora Penna, nove punti a metà gara, per il 33-29 con cui la Reyer chiude il primo tempo.

I canestri di Carangelo e Harmon aprono la terza frazione, poi Venezia con la prima decisa spallata alla partita: triple importanti per Howard, Carangelo e Penna per il 44-31 delle orogranata. Petronyte porta le sue sul +17, parziale interrotto solo da un grande movimento di Gruda. Le ospiti però faticano molto in attacco (sette punti in 10′) e non reggono l’impatto con una Reyer che sui tre liberi di Bestagno allo scadere del terzo quarto chiude sul 54-36 i primi 30′ di gioco.

Prova anon arrendersi Schio che salvo qualche lampo non riesce a accorciare il parziale che alla sirena finale tuona 72-52 in favore di Venezia.