LE LUPE CHIUDONO CON UNA VITTORIA SU VICENZA

Con una partita perfetta le Lupe battono Vicenza e chiudono in bellezza il loro sfortunato campionato. Solo elogi per la squadra di Tomei che praticamente ha dominato la gara fino alla fine. Ma, parrà strano, Vicenza non è stato a guardare, giocando con la solita grinta e voglia di vincere, certo non prendendo sotto gamba le avversarie. C’è un dato lampante che fa capire tutto: S.Martino dal campo tira con il 50%, Vicenza con il 29%. Chiaro che così si va a sbattere!

Cronaca. Vicenza parte bene. Martines, Lazzaro e Monaco da tre portano il risultato sull’2/8. Poi sul 6/10 le Lupe realizzano un 15/0 micidiale che si rivelerà decisivo: Vicenza non riuscirà più a ricucire. D’altra parte se tiri (20 volte di più di S.Martino) e non segni neanche le conclusioni più facili…

 S.Martino chiude il primo periodo sul 21/13 (bomba di Tagliapietra sul finale); ma il secondo segue la falsariga del primo. Al 5° con una bomba di Giordano, la migliore in campo, le Lupe si portano sul 32/17 con Vicenza che continua a litigare con il canestro. Al 7° per merito di Peserico massimo vantaggio: 49/32. Il periodo si chiude sul 55/41. L’ultimo periodo sembra procedere come gli altri, con Amabiglia e compagne sempre a tenere il pallino in mano. Ma negli ultimi tre minuti finalmente lo scossone: Vicenza ritrova la via del canestro e per merito di Lazzaro (5 punti), Monaco, Tagliapietra e Tibè arriva sul 69/65. Ma ormai manca una manciata di secondi e Tomei può giustamente gioire.

La colpa maggiore di Vicenza sta nella sua imprecisione al tiro. Paradosso: il tiro da tre sfiora il 50°, il tiro da due il 25°! Tutti gli altri dati sono buoni, vedi rimbalzi (10 Gobbo, 8 Monaco e Tibè), tiri liberi, recuperi e palle perse (solo 14), assist (sette per Lazzaro). Troppo nervosismo in campo. Urge recuperare Gisel Villarruel, tenuta prudentemente in panca per un infortunio al polso. Stasera si gioca Sarcedo – Castelnuovo Scrivia. Se vincono le piemontesi, conquistano il quarto posto. Non tanto stranamente Alpo-Vicenza di venerdì potrebbe perdere qualsiasi fascino. Ne riparleremo domani quando sapremo il risultato di stasera. Ma in casa Vicenza nessun dramma: i playoff sono meritatamente acquisiti da tempo. E una giornata così nerissima al tiro non è mai capitata in tutto il campionato e crediamo che mai più succederà. Calma e tranquillità gli antidoti, nonchè recuperare le forze che fatalmente stanno venendo meno dopo sette partite in venti giorni.

Chiudiamo con un grande applauso per il team di S.Martino. Le giovanissime ragazze di Tomei, oltre a una impressionante determinazione al tiro, hanno giocato una gran bella partita, mettendo in mostra un basket veloce, sciolto con difesa aggressiva e un giro palla in attacco da…veterane. Alcune singole sono state super, ma il battimani va alla coralità. E anche loro venivano da quattro partite in sei giorni.

Fanola S.Martino – Vicenza 70-65 (21/13, 34/25, 55/41)

S.Martino: Fontana 2, Malin ne., Beraldo 10, Peserico 10, Amabiglia 9, Toffolo, Giordano 18, Ferraro 8, Antonello 6, Pini 7. All Michele Tomei

Tiri da due  22/41  tiri da tre 5/13   Tl 11/22  Ro 9 Rd 32 Rtot 41  Pp 21 Pr 8 Assist 14.

A.S.Vicenza: Monaco 7, Grazian ne., Lazzaro 15, Mioni 3, Gobbo 4, Villarruel ne., Bellon ne., Tibè 11, Martines 4, Tagliapietra 21. All Sandro Sinigaglia

Tiri da due 14/56  Tiri da tre 8/18  Tl 13/19  Ro 24 Rd 22 Rtot 46 PP14 Pr 12 Assist 17.

Uscita per 5 falli Lazzaro.

Arbitri Elisa Vicentini e Gianmaria Bortolotto.