IL BANCO SI SPEGNE SUL PIÙ BELLO, BAMBERG VINCE IN VOLATA

Finisce 92-86 alla Brose Arena, una Dinamo Banco di Sardegna bella ma sfortunata con la quarta sconfitta in quattro gare dice addio ad ogni possibilità di qualificazione alla Final Eight di BCL

Ultima chiamata per il Banco di Sardegna, alla Brose Arena di Bamberg i ragazzi di coach Gianmarco Pozzecco scendono in campo per il recupero del game3 contro l’ex Michele Vitali. Discorso qualificazione non ancora chiuso ma questa sera è obbligatorio vincere per rimanere in corsa per un posto nelle Final Eight di maggio e giocarsi tutto nelle sfide di ritorno in programma al PalaSerradimigni il 6 e l’8 aprile contro Nymburk e i tedeschi. Problemi di rotazioni per la Dinamo, ancora senza il trio Spissu-Katic-Re reduce dalla positività al Covid-19 e Kruslin a riposo precauzionalmente, promosso quindi in quintetto Kaspar Treier con Chessa in uscita dalla panchina.

Il Banco corre e detta il ritmo nei primi tre minuti di match, solo Michele Vitali a segno per Bamberg, l’ex biancoblu tiene vivo l’attacco tedesco ma è 4-12 sassarese grazie all’ottimo avvio del quintetto scelto da Poz. I padroni di casa rivoluzionano lo starting five per ricucire lo strappo ma continuano i problemi sia in attacco che in difesa per il Brose, la Dinamo Banco di Sardegna è brava e ne approfitta non lasciando punti per strada nella prima frazione, sul 4-16 al 5’ è timeout per coach Roijakkers. Rotazioni corte ma necessarie per i biancoblu: Happ, Chessa e Gandini in campo, Stefano Gentile firma un personale 5-0 e porta il Banco a +16 (9-25), Lockhart con le sue triple tiene vivo il Bamberg, stavolta è timeout Pozzecco, Treier dall’angolo chiude al 10’ sul 15-28.

Attacchi bloccati in avvio di seconda frazione, Happ ne fa 4 di fila e risponde ai canestri di Kravish e Hall, Dinamo sempre avanti oltre la doppia cifra di vantaggio, lavora bene in difesa nonostante i tanti errori al tiro, 20-32 al 15’. Bamberg litiga col ferro, il solo Vitali riesce a tenere vivo l’attacco tedesco, il Banco vola con Bendzius e Bilan, sul 23-39 è inevitabile un nuovo timeout per il Brose. Thompson e Vitali riducono il gap, Burnell batte la difesa tedesca, Sengfelder è l’uomo del finale di quarto, Poz chiama il minuto per far rifiatare i suoi, si va negli spogliatoi sul 37-48 con tecnico al coach biancoblu per le eccessive proteste.

La terza frazione inizia nel peggiore dei modi: libero a segno per Bamberg e antisportivo commesso da Bendzius su Hall. Miro Bilan lotta e ha la meglio contro tre avversari, è però un altro Brose, deciso a rimettere in piedi il match, tre triple subite in un amen riportano i tedeschi a -2, parziale di 11-2, la panchina sassarese chiama timeout per spezzare l’inerzia e rimettere ordine, 48-50 al 22’. Gentile per la pronta reazione, l’attacco avversario segna con continuità, un solo punto di distanza tra le due squadre dopo 24’. La Dinamo non trema: Jason Burnell si mette in proprio, parzialino sassarese, Sassari trova punti importanti dalle mani di Chessa (54-62). Bendzius dall’arco risponde al contropiede tedesco, ma il finale è tutto un crescendo dei padroni di casa, Vitali trova i suoi primi punti del terzo quarto negli ultimi secondi, dopo 30’ è 65-67.

Treier piazza la bomba e ristabilisce un vantaggio consistente, Bamberg rimane incollata, qualche palla persa di troppo per la Dinamo, 4-0 Bilan, Vitali ancora determinante in fase offensiva conquista 3 liberi e fa 2/3, rientra Bendzius sul parquet nonostante i 4 falli, al 35’ è 73-76. Il Banco soffre e si affida al suo centro croato, finale di gara come un overtime: Kravish scrive il -1 e punisce la persa di Burnell, l’ex del match Vitali dopo 37’ di gioco porta in vantaggio i suoi (79-78), Burnell tiene viva la Dinamo con un libero e una magia, bomba di Lockhart, risponde da leader Gentile, 82-84, timeout Brose a 1’40’’ dalla sirena. Bamberg trascinata da Kravish, il Banco gestisce con poca lucidità e parecchia stanchezza: Bendzius perde palla, i rimbalzi offensivi premiano i padroni di casa, è duello Kravish-Bilan, il lungo ex Manresa ha la meglio sotto le plance, a 17’’ dalla sirena arriva anche un tecnico per proteste contro Gentile, 90-86. Sbaglia Bilan dopo il timeout, Larson a cronometro fermo sigilla il risultato, Bamberg si aggiudica il match delle eliminate in volata, finisce 92-86 alla Brose Arena. Il Banco con la quarta sconfitta in quattro gare dice addio alla Final Eight. Passano il turno con due gare di anticipo Saragozza e Nymburk. Le due gare del PalaSerradimigni del 6 e 8 aprile contro Nymburk e Bamberg serviranno agli uomini di coach Pozzecco per ritrovare la forma dopo il lungo stop.

Brose Bamberg – Dinamo Banco di Sardegna 92-86

Parziali: 15-28, 22-20, 25-19, 27-19

Progressivi: 15-28, 37-48, 65-67, 92-86

Brose Bamberg: Lockhart 12, Ruoff, Fieler 7, Hall 16, Ogbe 2, Thompson 8, Vitali, 17 Hundt, Sengfelder 9, Kravish 15, Bacoul ne, Larson 6. All. Roijakkers

Assist: Fieler e Hundt 4 – Rimbalzi: Kravish 8

Dinamo Banco di Sardegna: Sanna ne, Bilan 20, Treier 8, Chessa 5, Kruslin ne, Happ 10, Martis ne, Burnell 15, Bendzius 15, Gandini, Gentile 13. All. Pozzecco

Assist: Bendzius 4- Rimbalzi: Burnell 6