C GOLD. RENDE KO AD AGROPOLI

Archiviata immediatamente la battuta d’arresto di domenica scorsa contro Salerno, la New Basket Agropoli questa sera al Pala “Di Concilio” di Agropoli ha battuto il Rende per 80-65. La gara parte a rilento per i cilentani, che ci mettono un po’ per entrare in partita e lasciano giocare per i primi due quarti gli ospiti. Ma già verso la fine del secondo quarto, il vantaggio dei calabresi si accorcia e nel terzo quarto c’è il sorpasso dei locali che perdura fino al termine della gara. Una bella gara che dimostra, nonostante una compagine giovane, maturità e capacità che fanno ben sperare per il prosieguo della stagione. Adesso testa a mercoledì quando la squadra di coach Lepre affronterà, sempre in casa, alle ore 20, Angri e sabato c’è l’anticipo, questa volta in trasferta, contro Cercola.

Soddisfatto coach Franco Lepre, che così ha commentato la prestazione dei suoi: “siamo entrati in campo molli e loro hanno avuto spazio, ma dal terzo quarto siamo stati bravi a recuperare e da quel momento in poi la partita è stata nostra. Siamo riusciti a fare un parziale di 27-15 e poi siamo rimasti sempre avanti. Abbiamo dimenticato subito Salerno e questo è stato positivo perché è stata una iniezione di fiducia, si vince non solo per i due punti, ma anche per il morale, specie per la nostra che è una squadra giovane”. Tre gare in sette giorni: “Non c’è tempo di riposare, domani siamo già di nuovo in campo a fare defaticamento, quindi l’indomani ci alleniamo nuovamente per affrontare Angri mercoledì sera. E sabato di nuovo sul parquet contro Cercola”. Sull’avversario Angri, Lepre afferma: “è una compagine che gioca sulla falsariga di Cosenza e Rende. Ha due giocatori esperti. Sarà una gara combattuta punto su punto. Come sempre ce la metteremo tutta per vincere”.  

TABELLINO

NEW BASKET AGROPOLI – BIM BUM BASKET RENDE 80 – 65

NEW BASKET AGROPOLI: Tarolis 19, Pekic 23, Di Mauro 11, Borrelli 9, Lepre G. 14, Cordici 1, Farese 3, D’Angelo, Salerno V., Salerno G., Botti.

Parziali: 17-23; 15-14; 27-15; 21-13