San Antonio passa a Los Angeles, derby azzurro a Belinelli

Gallinari trascina i Clippers, ma è Belinelli ad aggiudicarsi il derby tutto italiano in Nba: San Antonio passa infatti 122-111 allo Staples Center conquistando il quinto successo nelle ultime sette partite.

NON BASTA IL GALLO – Per i Clippers (21-15) non basta un’ottima prestazione del “Gallo”, a referto con 21 punti, al pari del compagno Harrell. Spurs (20-17) trascinati dai 38 punti di Aldridge e ai 25 di DeRozan, per Belinelli invece score di 11. Match molto combattuto nel primo tempo (all’intervallo punteggio 56 pari), ma nel terzo quarto accelerata decisiva degli ospiti (subito un parziale di 12-2) con un Aldridge devastante e incontenibile per la difesa texana. Nell’ultimo periodo l’ultimo ad arrendersi è proprio Gallinari (autore di 13 punti solo nel 4/4) che però non basta ad evitare il ko a Los Angeles.

HARDEN TRASCINA HOUSTON – Serata stellare per James Harden. Il 29enne americano trascina al successo 108-104 Houston (20-15) in casa di New Orleans (16-21) con ben 41 punti, 9 rimbalzi, 6 assist e una percentuale del 100% dalla lunetta, 17 su 17. Per i Rockets è la nona vittoria nelle ultime 10, per il “Barba” terza gara di fila con almeno 40 punti. “Probabilmente è il miglior giocatore d’isolamento della storia”, il commento esaltato del suo coach, Alvin Gentry.

GOLDEN STATE TORNA A VINCERE – Dopo due ko consecutivi torna al successo Golden State. I Warriors (24-13) passano 115-105 a Portland. Prestazione finalmente sui suoi standard per Klay Thompson, autore di 32 punti, da aggiungere ai 25 di Curry e Durant. Non basta ai Blazers (20-16) l’ottimo contributo di Damian Lillard, 40 punti.

STAGIONE FINITA PER WALL – Continuano a volare i Milwaukee Bucks (25-10), in testa nella Eastern Conference, vincitori in casa sui Brooklyn Nets (17-18) per 129-115. A trascinare i “cervi” Antetokounmpo e Middleton (rispettivamente con 31 e 29 punti); valgono a poco i 32 punti di Napier per gli ospiti. Sempre nella Eastern proseguono la loro corsa i Boston Celtics (21-14), che espugnano il campo dei Memphis Grizzlies (18-17), per 103-112, recuperando uno svantaggio di ben 19 lunghezze. Successo in volata di Denver (23-11) a Phoenix (9-28) per 122-118 con 46 punti di un mostruoso Murray. Facile vittoria casalinga dei Jazz (18-19) contro i Knicks (9-28) per 129-97, Cleveland (8-29) va ko ad Atlanta (11-24) per 111-108 con gli Hawks trascinati dalla coppia Carter-Young, 21 punti a testa. Infine Washington (14-23) batte Charlotte (17-18) a domicilio 130-126, ma per i Wizards c’è una pessima notizia: stagione finita infatti per John Wall che dovrà restare fermo 6 mesi per l’operazione al tallone sinistro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *